Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

itenfrdeptrorues

Un libro per Amico

Nel libro “Una domenica” di Fabio Geda, la protagonista Giulia, allontanatasi dal padre dopo la perdita della mamma perché qualcosa di poco chiaro aveva inquinato il suo rapporto figlia-padre, recupera il dialogo con lui, un dialogo che pensava interrotto e che invece ritrova con una maturità diversa. Fabio Geda si conferma un bravo scrittore ancora una volta.
CLICCATE QUI, se volete leggere la recensione sul sito web della rivista Leggere:tutti .

 

Il libro autobiografico Confessioni del giovane Tidman di Aidan Chambers, è un libro di circa 500 pagine che si leggono tutte d’un fiato, è un vero romanzo di formazione con la successione di numerosi “risvegli” nei passaggi di età in età. In ogni caso è un dono bellissimo narrare di sé e permettere ai lettori che leggeranno la storia di partecipare alla vita dell’autore.

Potrete leggere la mia recensione sul sito web della rivista Leggere:tutti, CLICCANDO QUI .

IL MAGO DI OZ è un libro delizioso scritto nel 1900 da L. Frank Baum e ha fatto sognare e divertire tante generazioni. Questa versione di Michael Morpurgo è raccontata secondo il pensiero del cagnolino Toto, fedele compagno di Dorothy.

CLICCATE QUI per leggere la recensione sul sito web della rivista Leggere:tutti .

Ribigeir vuole organizzare una squadra di pallone per partecipare ad un torneo di calcio.
Questo lo scopo iniziale del libro “GOL ALLE PORTE DEL SAHARA” di Teresa Capezzuto. con le illustrazioni molto divertenti di Alessandra Neri, ma in realtà il libro è molto di più.

Leggete la recensione di questo allegro libro/manuale estivo per i vostri bambini, sul sito della rivista Leggere:tutti, CLICCANDO QUI .

Insolito, con particolare linguaggio e finalità curiose, Stéphanie Hochet nel suo ultimo romanzo, “Il testamento dell’uro”, scolpisce con le parole un postulato indiscutibile: la scrittura deve permettere di ritrovare l’animale che è in noi.

Un libro noir, originale e ben scritto, che sicuramente attirerà la vostra attenzione.

Leggete la mia recensione sul sito web della rivista LEGGERE:TUTTI, CLICCANDO QUI .

Search