Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

itenfrdeptrorues

COPERTINE AZZURRE

Una strana coincidenza che ho voluto condividere. Forse la voglia di rivedere il cielo anche sdraiati su un prato e non solo dal balcone di casa. Mi sono detta: perchè no? Allora ha preso forma la mia proposta settimanale di tre libri diversi tra loro,ma intriganti quanto basta per soddisfare il gusto di ciascuno. Un libro-manuale matematico, un'opera prima ben riuscita e un romanzo di una scrittrice prolifica.

IL LABIRINTO DEL CONTINUO 
Leibniz definì “labirinto del continuo” i problemi filosofici legati ai numeri, come il labirinto di Arianna all’interno del quale, districandosi tra le mille strade suggerite, si vive una esperienza tra tempo e spazio.
Da questa espressione Giorgio Chinnici propone il suo libro “Il labirinto del continuo”, un libro che richiede un impegno superiore ad una lettura amena, da parte del lettore. Del resto la divulgazione scientifica esige un’attenzione particolare, ma proprio per questo il libro di Chinnici, partendo dalla conoscenza dello zero, il cui simbolo gli antichi babilonesi usavano con notazione posizionale, spazia tra  numeri e logica.
Per chi possiede un excursus storico personale legato alla matematica, come per me con gli studi universitari, utilizzare questo manuale divulgativo è quasi tornare “giovane”, alla simbologia algebrica, la geometria euclidea, l’analisi funzionale, fino ad arrivare alla ragionevole efficacia della matematica.
Attraverso le pagine del libro di Chinnici, si colgono curiosità storiche di come la matematica abbia influenzato e strutturato la nostra mente, da Cartesio, Zanone, Ipazia, fino ad arrivare a  Dante, Joice… e Cesare Zavattini.

(Hoepli, Ottobre 2019, pp. 208, prezzo: € 19,90)

ELENA VESTRI: “MAI DIRE MAI PIÙ”
La vicenda si svolge in una piccola provincia, Borgo Marino, dove tutti sanno tutto di tutti e la protagonista, Arianna, gestisce una merceria.  Ha una figlia lontana, avuta per caso che spera tanto di rivedere e gode dell’amicizia di Federica, eccentrica sessantenne con un fidanzato più giovane di lei di trent’anni. È un’amicizia con assenza di giudizio e proprio per questo durevole nel tempo. La storia s’ingarbuglia come una matassa ma alla fine si dipana serenamente e si sorride.
Lettura e scrittura, due arti piacevoli in cui spesso l’una non può fare a meno dell’altra. Così accade che esauriti gli impegni professionali e godendo della meritata pensione (che tanto incanta le donne quanto spaventa gli uomini), Elena Vestri scrive il suo primo libro “Mai dire mai più”. Un romanzo di grande freschezza e leggerezza, forse scritto quasi per gioco, ma ben riuscito. Una storia di amori e amicizie, che si esprimono con la massima libertà ma secondo canoni di lealtà e di sentimenti spontanei.
“Penso che un uomo che ti chiede quali sono le tue stelle preferite, non può essere arido. Ma non è per me. E penso a Federica, che invece non si accontenta,  così golosa, così incurante del tempo.”
Se Lidia Ravera ha accolto il suo scritto nella collana da lei curata per la casa editrice Giunti, significa che vedremo altri libri di questa “giovanile” esordiente, e sono sicura che tirerà fuori il coraggio di scrivere ancora e bene.

(Giunti editore, Settembre 2019, pp. 210, prezzo: € 13,00)

QUANDO UNA DONNA
“Se mescoli due grigi ne viene fuori un altro ancora, più cupo e intenso.”.
Così Sara Maria Serafini, nel suo romanzo “Quando una donna”, descrive la vita di Anika, insoddisfatta dal lavoro e dal suo compagno. L’altra protagonista è Claudia, una vita vissuta in bianco e nero e senza figli, anche se tanto desiderati. Entrambe vivono una vita altalenante tra dialoghi scarsi e dolori profondi. La felicità sembra allontanarsi fino a quando le due donne s’incontrano per caso, nella sala d’attesa di un medico. Sembrano vicende femminili comuni, ma la storia, da grigia, assume note di colore quando Anika scopre di essere incinta di un figlio indesiderato.
Il romanzo è lento e quasi distratto, ma solo per dare ad un certo punto la giusta propulsione, nella ricerca della felicità delle due donne.
“La felicità frenata è la sensazione più buia che una donna possa provare.”.
Un libro ben scritto capace di mantenere l’interesse del lettore fino alla fine.

(Morellini Editore, Ottobre 2019, pp. 190, € 13,90)

 

Pin It

Search