Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

itenfrdeptrorues
info@loredanasimonetti.it      
   

Un libro per Amico

Scrittore per scelta, quando il proprio lavoro non bastava più, Andrea Mauri si propone ai lettori con il romanzo “Due secondi di troppo”, storia complessa della madre e del figlio Antonello, l’una dipendente emozionalmente dal figlio, l’altro che sta al gioco di questa dipendenza durante il ricovero della madre in una clinica neurologica.
Molti i temi toccati dall’autore: la malattia della madre e il suo modo delicato e attento di affrontarla insieme a lei, la veggenza probabile della madre che attraverso l’ossessiva lettura dei tarocchi intuisce l’omosessualità del figlio, la storia di violenza subita da Antonello adolescente che diventa un tramite per costruire una conoscenza importante con il neurologo Gabriele che ha in cura la madre.
Tutto in un breve romanzo scritto con vera maestria, seguendo il filo conduttore del protagonista attraverso il suo modo personalissimo di osservare il mondo che lo circonda, rapportandolo ad espressioni d’arte, senza cadere nella banalità e soprattutto senza sfociare in luoghi comuni o volgari.
Tanti i flashback con cui il processo narrativo riavvolge i ricordi della vita familiare, senza retorica, senza fraseggi inutili o ridondanti. La lettura scorrevole e piacevole non perde di tono nemmeno sul finale, quando il protagonista affronta la morte della madre e l’emozione del libro si conserva fino all’ultima parola.
Il libro di Andrea Mauri è una complessa prova d’artista e confido che le prossime iniziative letterarie siano alla stessa altezza.

Autore : Andrea Mauri
Titolo: Due secondi di troppo
Editore:  Il seme bianco
Pubblicato:  Aprile 2018
Pagine:  130
Prezzo: € 13,90

Ecco altri consigli di libri, che sono stati accolti positivamente dai bambini di Nati per Leggere... al mare.

Il re del castello
Quasi un silent book. Poche parole accompagnano le illustrazioni semplici e accurate. Davvero il castello di sabbia è solo di Emilio? Davvero nessuno può entrare, anche se è in difficoltà? Occhio però, perchè le onde del mare arrivano in qualsiasi momento e se lo portano via... Bellissimo libro di Adrien Albert, che solleva tante domande di grande attualità. Ottimo per la lettura ad alta voce ma anche per quella dialogica.

Guizzino
Il pesciolino nero si sente diverso dagli altri, ma questo lo motiverà a tirare fuori il coraggio per affrontare la sua vita con curiosità. Un piccolo gioiello di libro, come tutti quelli di Leo Lionni, con disegni stile texture, essenziali ed efficaci.

Buon viaggio, piccolino
Andare a nanna è una delle prime cose che un piccolino impara. E come il mangiare, il bimbo desidera realizzare il suo piccolo viaggio nel migliore dei modi e con soddisfazione. Molto grazioso il libro di Beatrice Alemagna che accompagna con tenerezza i preparativi, per andare a dormire, del piccolino della storia.

“Qui si disserta delle acrobazie che un ciclista fa per evitare buche e automobili, dei tortuosi percorsi interiori con cui dribblare la fatica… Perché solo in sella e senza record da battere, si attraversa il mondo con leggerezza e libertà.”.

Si parla di bicicletta, non solo come strumento di trasporto, ma anche come filosofia di vita, e l’autore Paolo Patui, che vive nella stupenda regione del Friuli, ne fissa un regolamento divertente e spigliato nel suo Decalogo semiserio di un ciclista anomalo. Le dieci regole selezionate per fare di un ciclista occasionale un fervente e appassionato di due ruote e due pedali, ne producono un libriccino gradevolissimo e divertente.
I ciclisti pedalano per rincorrere la felicità”, come tutte le persone di buona volontà che dal giorno della loro nascita inseguono la propria indipendenza, le passioni e gli amori della vita.  Non mancano attacchi alle quattro ruote, in cui la maggioranza degli automobilisti, ben saldi sulle quattro ruote, pensano che la strada sia fatta su misura per loro. E non mancano divertenti descrizioni dei perfetti ciclisti in tenuta sportiva che per girare in bicicletta utilizzano tutine perfettamente intonate con il colore della bicicletta, giusto per non passare inosservati.
Bellissimo uno dei ricordi degli anni 60 citato dall’autore, mio coetaneo, e anche per questo la sua narrazione la sento familiare.
“Il mondo era delle bici, della fame, dei pomeriggi passati a contare quante macchine passassero davanti a casa tua, del piacere di pedalare sotto la pioggia e tu dietro, con la mantellina che ti copriva, senza che nessuno imprecasse contro il tempo e tua mamma che cantava qualsiasi cosa, tanto era sempre fuori moda…”
Il piccolo libro, formato tasca, da portare anche in bicicletta e da leggere rilassati in un momento di pausa è una vera chicca, stravagante e serissima, nostalgica e matura, ed è un invito non a voler dire… si stava meglio quando si stava peggio… ma che possiamo riprovare a vivere felici.


Autore : Paolo Patui
Titolo: Decalogo semiserio di un ciclista anomalo
Editore:  edicicloeditore
Pubblicato:  Settembre 2018
Pagine:  130
Prezzo: € 13,00

Tre libri da leggere con i bambini, che hanno riscosso grande successo presso la loro piccola platea. Sono suggeriti dal progranna nazionale NpL - Nati per Leggere e disponibili presso i circuiti delle biblioteche.

Il giardino curioso
Ispirato da un'antica ferrovia di New York non più funzionante dagli anni 80, Peter Browne utilizza la curiosità di Liam per scoprire i binari in disuso e spingerlo a farne un piccolo giardino. Dopo averne cura lui, sarà il giardino stesso ad estendersi e a creare altri piccoli giardini lungo la ferrovia abbandonata, ridando colore e vivacità ad un paesaggio grigio e abbandonato. Giardino e Giardiniere si sostengono per un paesaggio più bello e colorato. Molto bello.

Perché il cane ha il naso bagnato?
Bellissima questa storia di Kenneth Steven, che vede protagonista non solo Noè che salva tutti gli animali dal diluvio universale, ma anche il suo fedelissimo cane, che conserverà per sempre quella straordinaria esperienza sul suo nasino bagnato. Le illustrazioni curiose contengono tanti dettagli della storia e il finale è meraviglioso.

Papà mi prendi la luna per favore?
Chi non ha chiesto la luna quando era piccolo? Questo coloratissimo libro di Eric Carle accompagna un papà a prendere la luna per la sua bimba Monica, ma la luna, si sa, rimpicciolisce, scompare e poi ricresce. Grandi illustrazioni per immaginare la distanza che affronterà il papà con la luna che cresce e decresce, fino a riprendere il suo posto nel cielo. Un po' fa sognare, ma è anche un modo per scoprire con leggerezza il mistero del nostro pianeta.

 

Sono solo 90 pagine: un piccolo libro con storie di viaggi, ma non quelli per andare a divertirsi o a riposarsi. Alessandra Erriquez viaggia con le domande alla ricerca di risposte, sul dolore, sulla paura, sulla cattiva sorte che spesso colpisce le persone mettendole alla prova.
“Ho scelto le parole” non è un libro straziante, anzi, i dolori che s’incontrano nelle sue storie, tutte di vita vissuta, trasformano la rabbia in coraggio e tirano fuori la migliore parte di chi si trova, improvvisamente e impreparato, ad affrontare un grave disagio.
Tra le storie emerge “Una cicatrice vale più dell’oro”, il racconto di vita di Bebe Vio, campionessa di scherma, che per colpa di “un incidente di percorso”, come lei definisce la meningite fulminante da cui è stata colpita a soli 11 anni, ha rivoluzionato la sua vita fisica, ma certamente ha rafforzato il suo carattere responsabile fino a renderla invincibile.
Anche il racconto “Il cuore dentro le scarpe”, dove Pasquale e Rossella in un giorno d’estate perdono il figlio colpito da un fulmine, mostra un solco di speranza.  “La perfetta metafora del dolore di un figlio che ti colpisce così. D’improvviso. […] Trovare il tuo equilibrio e combattere per mantenerlo. Guardando avanti, mai indietro, guardando negli occhi le persone verso cui stai andando.”
La Erriquez, giornalista e scrittrice, affronta con delicatezza le storie proposte, suggerendo  le sue domande come potrebbero esprimerle i bambini, nella sincerità della storia e in rispetto dei sentimenti provati dai protagonisti medesimi. La sensibilità adoperata alleggerisce lo stato d’animo del lettore e veicola i pensieri verso positive riflessioni.

Autore : Alessandra Erriquez
Titolo:Ho scelto le parole – Genitori, dolori, rivoluzioni
Editore:  La Meridiana
Pubblicato:  Aprile 2018
Pagine: 90
Prezzo: € 13,00


© Tutti i diritti riservati - Copyright 2019
Blog Ufficiale di Loredana Simonetti
Non costituisce un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001
Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 2001.
L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite eventuali collegamenti, posti all’interno del Blog e forniti come semplice servizio a coloro che visitano il Blog stesso.
Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscono dei link alle risorse qui contenute


Powered by 

Search